10 motivi per non parlare (male) della Trilogia Disney Star Wars

E’ indubbio che Star Wars sia entrato da moltissimi anni nella cultura popolare. Molti fans sentono quelle storie e quei personaggi iconici, quasi parte della famiglia.
Come conseguenza tutti possiedono anche un background minimo per esprimere un’opinione e vogliono dire la propria sui film e sui prodotti della saga.
Quando incontri un fan di Star Wars, analogamente a quando incontri un collega informatico, si gioca a “chi l’ha più lungo” e non vengono risparmiate frecciatine se le opinioni sono discordanti.
Questo fenomeno si è ulteriormente amplificato a causa dei social, senza esclusioni di colpi (bassi).

Faccio prima di tutto due premesse:
A) il nuovo corso Disney non mi sta piacendo per nulla (così gioco a carte scoperte);
B) nella vita ci sono cose più importanti (tutto ciò che segue sono disquisizioni);
Detto ciò devo notare che se si esprime un parere contrario al nuovo corso, si viene subissati da critiche. Seguendo gli youtuber americani in realtà le mie opinioni trovano conforto, ma nel panorama italiano, salvo qualche nerd come il sottoscritto, si finisce sotto tiro.

Ciò che segue è una raccolta ironica delle risposte tipiche che si ricevono quando si esprime una opinione negativa sul Risveglio della Forza e su Gli Ultimi Jedi.
Molte di queste argomentazioni le valuterò “Turn off the brain and enjoy :-p” per ironizzare sulla facilità con cui si dicono alcune cose senza argomentare.

Buona lettura 🙂

1° posto) Siamo tutti registi

E’ opinione diffusa nel dibattito pubblico italiano, che per trattare di un argomento, bisogna essere quantomeno laureati nella materia stessa. Non stiamo trattando se i vaccini fanno bene o fanno male, ne se un ponte può sostenere il traffico giornaliero di un tratto autostradale o meno. Stiamo parlando di una “torta”(per usare una metafora), l’abbiamo mangiata ed esprimiamo il parere personale se ci è piaciuta o meno.
Dobbiamo essere cuochi per stabilire se una torta è buona o meno? Certamente un cuoco pasticcere saprà cogliere aspetti che noi non cogliamo, ma ognuno è in grado di esprimere una opinione a riguardo.
Per Star Wars è lo stesso, se ti sono piaciuti i due film, “capisci di cinema“, se non ti sono piaciuti e lo esprimi in qualche forum, troverai puntuale il commento che punta a screditare la tua opinione:”qui sono tutti registi“. Turn off the brain and enjoy :-p

2° posto) E’ record di incassi

Certamente Disney non ha comperato Star Wars per fare beneficenza a George Lucas e sta sfruttando appieno il brand. Ma la qualità di un prodotto è determinata dai suoi incassi al botteghino?
Prendiamo per esempio un film come Il Postino, uno dei film italiani che ha registrato un altissimo incasso in Italia e nel mondo. Di fronte agli incassi degli Ultimi Jedi, scompare come un fiocco di neve al sole. Quindi, per coerenza, possiamo dedurre che Il Postino paragonato a Gli Ultimi Jedi è una ciofeca pazzesca. Lo stesso possiamo dire di molti altri film d’autore?
Se questa lista è aggiornata, troviamo i film in ordine di incasso, è curioso notare come appaia in lista l’episodio I, la Minaccia Fantasma da tutti i fans di Star Wars giudicato come l’episodio peggiore prima dell’uscita delle nuova saga.
La lista indica per lo più blockbuster e sinceramente pur “non essendo un regista“, non me la sento di dire che “sono tutti dei buoni film premiati dalla qualità“. Vogliamo forse affermare che “Avengers: Age of Ultron” è un film migliore di “Forrest Gump” o di “Rain Man”? Vogliamo forse affermare che molti dei titoli in classifica sono superiori ad un cult movie quale “Blade Runner”?
Turn off the brain and enjoy :-p

3° posto) A George Lucas è piaciuto

Quando si vende un’azienda, l’acquirente è tutelato da alcune leggi per evitare che il venditore continui a mangiare sulle stesso piatto. Inoltre si stipula un contratto di non concorrenza. Immaginate cosa accadrebbe se George Lucas esprimesse un’opinione contraria al nuovo corso. La Disney gli muoverebbe una causa miliardaria. Nessuno sa cosa c’è scritto in quel contratto tranne i diretti interessati, ma il buon senso dice che George Lucas amerà tutto ciò che produrrà Disney. A domanda risponderà, “mi è piaciuto”.
Interessante questa intervista “Ho venduto agli schiavisti bianchi” apparsa su Repubblica, forse il vecchio George non è proprio così contento sotto alla barba…
In una intervista reperibile su Yuotube, Lucas afferma, dopo la firma del contratto, che Disney si prenderà cura dei propri personaggi e del proprio universo. Alcuni fan hanno montato magistralmente le sue affermazioni con Ian Solo trafitto a morte da una spada laser… (Ecco il video) che dire… se ne sono presi cura benissimo. Mi auguro che Lucas soffra moltissimo a veder le sue creature morire e che si goda malissimo i dollari guadagnati. Turn off the brain and enjoy :-p

4° posto) Non scopi abbastanza

Ebbene sì, se ti sono piaciuti i film e ti adegui alla massa, sei “cool”, “capisci di cinema”, “yeah boy” fai parte del club. Se non ti son piaciuti e lo esprimi “non scopi abbastanza”, “vai fuori a divertirti”, “non hai altro da fare” ovvero il vecchio “pussa via brutta bertuccia”.
Se cercate tra gli youtuber italiani vedrete che trovate chi si esprime così :-p
Certamente le cose importanti nella vita sono altre. I nostri nonni o bisnonni ci avrebbero detto “Dio, patria e lavoro“, forse le nonne “salute, lavoro e famiglia” (il punto di vista femminile non è mai da sottovalutare). Ai giorni nostri i valori sono stati sostituiti da “divertimento, soldi e sesso“, quindi ci sta che chi non è d’accordo con le critiche, ti inviti ad uscire per andare a divertirti o per fare sesso (mai che ti invitino ad andar fuori a fare soldi).
Affermazioni simili si meritano un bel Turn off the brain and enjoy :-p

5° posto) Il film è per ragazzi

Ebbene, questa affermazione è abbastanza intelligente, ma la includo poiché non vi è sempre cognizione di causa. Viene utilizzata per giustificare le mancanze e “licenze poetiche” del film. Nei blockbuster si è sempre data maggiore enfasi all’azione e agli effetti speciali. Vi può essere un’idea di fondo, meglio se semplice e alla portata di tutti. Sono dei film da andare a vedere col cervello spento in compagnia di amici per una divertente serata di svago. Se i film non contengono sesso, scene truculente, “spiegoni”, politica, ragionamenti complessi, idee, la platea degli appetibili utenti si allarga ai ragazzi più giovani.
Una platea più ampia si traduce in maggiori probabilità di incasso, anche per videogiochi e giocattoli.
Quindi, sì è un film per ragazzi… drammaticamente per ragazzi. Turn off the brain and enjoy poco 🙁

6° posto) La protagonista è femminile

Se qualcuno valutasse negativamente un film poiché la protagonista è femminile, è quantomeno misogino. Ma dare indirettamente del misogino a chi non apprezza il film è quantomeno disonesto intellettualmente. Non ho trovato direttamente accuse in questo senso, ma una sorta di difesa di campo non scritta al di là delle scelte della trama. Siccome il protagonista del blockbuster è donna il film è bello a prescindere :-O
Poi potremmo aprire una vasta discussione sulla mascolinizzazione dei ruoli femminili negli action movie. Sono almeno due decenni che il ruolo maschile nella società è entrato in crisi, non da meno anche il ruolo femminile. I modelli proposti dai blockbuster sono per lo più donne che fanno cose da uomini meglio degli uomini. La deriva presa sembra di godere di ottima salute e non c’è un vero e proprio dibattito sul tema se non all’interno di qualche aula polverosa. La donna per essere tale e vivere la propria vita deve fare l’uomo? e di conseguenza cosa significa fare l’uomo? 😀 Non aggiungo altro, direi però che accostare misoginia e valutazione del film valga un bel Turn off the brain and enjoy :-p

7° posto) E’ per le nuove generazioni

Certamente le nuove generazioni non si possono affezionare a dei personaggi storici e anziani. L’universo espanso di Star Wars rappresentato da romanzi e comics aveva da tempo raccontato il futuro della galassia lontana lontana e l’avvicendamento tra vecchi e nuovi eroi…
Le trame del Nuovo Ordine Jedi rompevano il classico schema “lato chiaro” e “lato oscuro” e proponevano nuovi eroi e nuove storyline da esplorare (i terribili Yuuzhan Vong) …per quale motivo non si è scelto quel filone?
Forse per problemi di diritti, forse per esigenze di libertà creative, chissà.
Quindi semmai faranno ancora film di Harry Potter, mi aspetto che copino la trama del primo film, ma uccidano il mago 🙂
Se faranno un altro film di Indiana Jones mi aspetto che anche lui muoia per dar far spazio ad “Alberto Angela” e così via. Una bella pulizia generale e Turn off the brain and enjoy :-p

8° posto) Rogue One è un gioiellino

Ma ci pensate? il film d’animazione di Biancaneve e i sette nani è stato realizzato nel 1937. E’ incredibile come quel film sia stato realizzato con i mezzi di allora. Disney ha sicuramente realizzato dei bei film. Rogue One non l’ho visto e non posso ancora giudicarlo (e comunque non sono un regista 😀 ), ma sembra sia stato apprezzato da molti fans.
Facciamo il punto, siccome Disney ha fatto delle ciambelle col buco, tutto ciò che produce è bello?
Siccome Rogue One è bello, lo deve essere anche il Risveglio della forza?
Oppure se il Risveglio della forza è brutto lo deve essere anche Rogue One?
Ed a proposito, cosa ne pensano i fans di The Last Jedi? Wow, un misero 49% su Rotten Tomatoes.
Turn off the brain and enjoy :-p

9° posto) La Disney ha dato nuova linfa al prodotto

Ogni prodotto ed ogni brand segue delle regole di mercato e gli americani sono molto bravi a confezionare prodotti che vendono. Sicuramente visto gli incassi, la ciambella è riuscita col buco. Ma quel buco faceva leva sull’effetto nostalgico dei vecchi fans e dal desiderio di vedere ancora film di Star Wars. Ora che i vecchi fans sono stati sistemati con un bel pugno sul muso, e che l’effetto nostalgia è stato liquidato da scelte di storyline, saranno in grado di portare avanti il brand facendo leva su una nuova generazione di fans?
A me la voglia di spendere soldi per film e prodotti del brand è passata e di sicuro non la passerò a mio figlio.
Personaggi iconici come Dart Fener che sono entrati nell’immaginario collettivo di generazioni di ragazzi, può essere sostituito dal “Frignetta“? (soprannome dato da Leo ortolani a Kylo Ren).
Un film come Rogue One con la presenza di Dart Fener guadagna stelle solo per la sua presenza. Un analogo film con Kylo Ren porterebbe i fans al cinema?
Un personaggio carismatico come Ian Solo interpretato da Harrison Ford, vale la visione di un film. Dopo averlo ucciso, provano a riabilitarsi agli occhi dei fans dedicandoci un film (tremo solo al pensiero). Se la Disney ha dato nuova linfa al brand o ha succhiato le ultime gocce lo scopriremo solo vivendo. Non sono in grado di giudicare quale sarà il futuro di Star Wars (e non sono un regista 😀 ) ma di sicuro le nostre strade non si incroceranno finché rimarrà Disney :-p

10° posto) Il film comunque è bello

De gustibus. Non posso certo prendermela se ad altri il film è piaciuto, prima di tutto poiché non sono un regista, per secondo perché è stato campione d’incassi, per terzo perché a Lucas è piaciuto e per quarto perché devo scopare di più. Di fronte a questo pensiero monolitico non posso che spegnere il cervello e divertirmi.

Concludo questo lungo articolo lasciandovi con i link di “Mi risveglio a Forza” e “Ride Jedi chi ride ultimo“.
Recensione a fumetti del Risveglio della forza e degli Ultimi Jedi a cura di Leo Ortolani.
Mi consola il fatto che pure lui non sia un Regista ma che abbia un pensiero affine al mio.
Probabilmente è proprio perché non siamo registi che troviamo tutti questi difetti 😮

Lascia un commento

Chiudi il menu
Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial