Se il risveglio dello Jedi si vede dal mattino…

C’era una volta Guerre Stellari e siccome non ne avevamo abbastanza, l’Impero colpì ancora, ma per sistemare tutto ritornò l’Ultimo jedi.
Quei film irruppero nell’immaginario collettivo con una tale forza da entrare a far parte della cultura popolare.
I Fans mai sazi, acquistavano giocattoli, libri, comics che narravano le gesta dei loro beniamini.
L’universo cinematografico di George Lucas, aveva generato l’Universo Espanso, ovvero un enorme numero di storie derivate da quella unica radice.
Non tutte le storie narrate erano di qualità, ma poco importava, i fans tenevano acceso quel lumicino per rivedere sul grande schermo gli eroi di un tempo, Luke, Leia e Ian (o Han se preferite).
Poi il grande annuncio, accolto da un entusiastico Meh!!!
Lucas avrebbe girato una trilogia prequel ma siccome la fame era stellare, i fans erano disposti a digerire di tutto compreso Jar Jar.
La mossa di Lucas non credo fosse dettata solo dal marketing, forse lui stesso aveva paura di mettere mano a quegli eroi entrati a far parte dell’immaginario collettivo.
La scelta col senno di poi fu saggia, i prequel pur non essendo stati del tutto apprezzati, diedero nuova linfa all’universo e generarono molti altri prodotti tra cui numerosi cartoni animati, comics e videogiochi.
Ma i fans continuavano a tenere acceso il lumicino, tanto che la mossa di Lucas di vendere i diritti alla Disney fu accolta da quasi tutti con gioia ed entusiasmo.
Qualche scettico c’era, ma io non ero tra quelli devo ammetterlo.
Quando arrivò l’annuncio che si sarebbe prodotto un nuovo film “Il risveglio della forza“, quel lumicino crebbe e quando uscì il primo trailer, divenne una fiamma.
Forse l’accostamento tra il nome del regista J.J.Abrams e Jar Jar mi incuteva un pò di disagio, ma perché rovinarsi la vita prima delle visione?!?
Stordito da due ore di effetti speciali, come solo gli americani sanno fare, terminai la visione confuso. Andai a letto e finalmente realizzai… era tutto buio, quel lumicino s’era spento…
Se il risveglio dello Jedi si vede dal mattino, la forza l’aveva mancato di qualche chilometro!!!
Una doverosa premessa:
A) Il Risveglio della forza non mi è piaciuto (così gioco a carte scoperte);
B) Ci sono cose più importanti nella vita (sicuramente).
Prima di analizzare il film e i motivi per cui non mi è piaciuto, devo ammettere che la ragione prima è affettiva.

0) L’amore conta…

…recita una canzone del rocker italiano Ligabue.
Quanti come me hanno desiderato per più di 30 anni di rivedere assieme Luke, Leia e Ian?
Non solo nel film non c’è una sola sequenza in cui i tre eroi sono assieme, ma nel dubbio che questo potesse capitare nei prossimi film, Ian è stato trafitto a morte, gettato giù da un precipizio in un pianeta che è esploso.
Se ciò non bastasse, Carrie Fisher se n’è andata per sempre, chiusa la questione…

Affettivamente parlando, questa, secondo me è la colpa più grave del nuovo corso Disney Star Wars. Non aver saputo accontentare i fans che per lunghi anni hanno supportato il brand.
Non si tratta dell’ennesimo film di Star Wars con Luke Leia e Ian, ma si tratta del primo film dopo 35 anni dall’ultimo capitolo in cui sono riapparsi.
Tralasciando da parte il cuore(di parte in quanto tale), proverò ad analizzare gli elementi che mi hanno lasciato basito.

1) Trama fotocopia

Se alle superiori avessi copiato un tema realizzato da un altro compagno avrei preso un’insufficienza. Se all’università avessi copiato la tesi da un altro laureato probabilmente non avrei preso la laurea.
Ma se si realizza un film con la trama copiata da un precedente capitolo, i commenti sono entusiasti!
The magic is back“, “A spectacular homecoming“: tutto ciò è pazzesco.
Ma… se girassero un nuovo film di Harry Potter copiando la trama dal primo film direbbero “Amazing“?
Se girassero un nuovo “Matrix” copiando la trama del primo film aggiungerebbero “Il virtuale non è mai stato così reale” oppure “Il ritorno della pillola“? Si possono fare infiniti esempi.
E’ stato definito un omaggio al vecchio film ma che strizza l’occhio alle nuove generazioni.
Personalmente mi sono sentito preso in giro, tutti i plot principali sono stati copiati da “una nuova speranza”, senza contegno, senza un briciolo di dignità.
Cosa c’è di più noioso che vedere un film con una trama già vista?
Probabilmente non riesco ad afferrare la raffinatezza di questa scelta perché non sono un regista e Jar Jar Abrams è riuscito a farla nel secchio 😀

2) Personaggio principale privo di mordente e fuori contesto

Rey, cerca sicuramente uno scopo nella vita che in quel pianeta non ha.
Conduce una vita misera senza genitori e per sopravvivere è costretta a recuperare rifiuti tecnologici nel deserto. In quel difficile contesto, sviluppa un fortissimo senso del bene e del male che forse solo Budda potrebbe avere, oppure un personaggio Mary Sue.
Rey è pure una donna carina, un miracolo che in quel contesto non sia stata abusata o schiavizzata sessualmente. Sente la forza e, a quanto pare, è un talento naturale tanto da riuscire a fronteggiare il più bravo allievo del lato oscuro senza addestramento…
Nonostante le sfighe e la vita sfortunata, non cede al lato oscuro, ma diventa un faro del bene ed entra nelle grazie di tutti i buoni per le sue innate e infinite qualità
Rey è il tipico deus ex machina alla quale ti affezioni soprattutto perché è donna, ma non perché la ricerca delle sue origini sia così interessante o perché il suo personaggio sia costruito bene.
Ti affezioni a lei perché appartiene ai buoni, perché è una donna e perché deve andare così.
“Mary Sue”: punto! Una noia mortale.
Vi sono molti video su Youtube che sottolineano la tipicità “Mary Sue” di Rey (cercateli su youtube).
Vi segnalo invece questo breve video (3 minuti circa) di un  fan che riassume le differenza tra Luke e Rey e la costruzione del mito: https://www.youtube.com/watch?v=LrkG3fwDLho

3) Capitan Pippe Mentali, il lato oscuro non è mai stato così trash

Kylo Ren, è sicuramente il cattivo meno carismatico di Guerre Stellari. Il personaggio non incute timore come il nonno, ne riverenza, al massimo tanto fastidioJabba the hutt aveva carisma da vendere al confronto.
Faccio il punto: Dart Fener era il cattivo! E’ sufficiente la sua presenza in un film come Rogue One per richiamare i fans al cinema. Dart Fener non era solo un cattivo, era un simbolo capace di colpire l’immaginario collettivo.
Il lato oscuro era forte perché c’era Dart Fener a rappresentarlo.
Il lato oscuro era una minaccia perché c’era il carisma di Dart Fener che gli faceva da ambasciatore.
Kylo Ren fa venire il latte alle ginocchia e sinceramente se facessero un Rogue One con Kylo Ren,  starei distante dal cinema e spegnerei Internet per una settimana.
Il lato oscuro di Kylo Ren è debole, è da pippe mentali, è da perdente.
La prima sconosciuta senza addestramento che arriva lo umilia…(ma è donna, è carina, è la protagonista, quindi deve essere così…)
Ma davvero con tutte le menti pensanti e i bravi scrittori pluripagati che hanno negli Stati Uniti, non sono riusciti a partorire qualcosa di meglio di questo?
Spero tanto che nei prossimi film diventi Rey il nuovo Sith (magari è la figlia segreta di Palpatine), per almeno tre motivi: è donna ( e quando si arrabbiano sono terribili), è carina (e una donna cattiva e bella affascina l’uomo) ed è la protagonista! Ecco vi regalo l’idea Disney, non voglio i diritti.
Per approfondire altri aspetti del personaggio di Kylo Ren vi segnalo questo video.
E’ interessante la lettura che ne da l’autore paragonandolo ad una certa tipologia di giovani.

4) L’abbraccio tradito

Il passaggio alla nuova generazione di eroi poteva essere svolta in molti modi, “Jar Jar Abrams” ha scelto quella cruenta, forse questa è stata l’unica idea originale del film.
Purtroppo il pluripagato regista oltre che dare una pugnalata al cuore a molti fans, ha sbagliato pure la scena successiva, in cui Leia invece di abbracciare Chewbecca, abbraccia la sconosciuta Rey.
Questo particolare, la dice lunga sulla conoscenza dell’universo creato da Lucas. Se qualcuno di voi si ricorda i vecchi sketch di Vianello e Mondaini dal titolo “Ma quant’è forte Tarzan” questi terminavano con Tarzan che invece di abbracciare “Jane” finiva per sbattere o abbracciare un albero… Il mancato abbraccio dapprima mi ha messo fortemente a disagio, in seguito ho avuto la sensazione che il principe azzurro fosse scappato con la strega.
Se realizzassero un film di Biancaneve in cui il principe azzurro scappa con la strega, potremo affermare che è una rilettura contemporanea della crisi degli affetti, della famiglia e dei valori, ma non sarebbe più Biancaneve, piuttosto un film ispirato a Biancaneve.
Ecco Leia, non era Leia, ma un personaggio ispirato alla principessa Leia. Bel colpo Jar Jar.

5) Con l’aiuto del sole vincerò, attacco solare, energia!!!

Gli americani sono proprio bravi a fare i film e pure le americanate… se visivamente la Starkiller è una gioia per gli occhi, la sua presenza nel film fa rimbalzare numerose sfere sul pavimento (o BB8 se preferite).
Partiamo dalle premesse, quanti soldi disponeva il Nuovo ordine e il supremo leader Snoke per costruire una macchina della morte di tale proporzioni su di un pianeta terraformato (e si sa che non ve ne sono tantissimi)?
La Repubblica in tutti quegli anni come mai non è riuscita a boicottare o a distruggere le navi e i convogli che andavano in quella direzione per costruire la più grande macchina della morte mai concepita e il più grande progetto di ingegneria civile?
Milioni di droidi e operai impegnati a scavare un pianeta senza che nessuno se ne accorga? Ma i sindacati dov’erano?!? 😀
Come mai la Nuova repubblica non ha bombardato con bombe atomiche il pianeta prima che l’opera fosse conclusa?
A che velocità viaggiano i raggi mortali della Starkiller per coprire immense distanze in pochissimi minuti? Velocità Iperspaziale? Sicuramente non alla velocità della luce…
Oppure la Starkiller ha distrutto dei pianeti vicini del suo stesso sistema solare? E gli abitanti di questi pianeti per tutto il tempo come le cicale hanno atteso che la base facesse fuoco?
Ma dolcis in fundo, come mai i raggi mortali della Starkiller sono visti in cielo dai nostri eroi come fosse uno spettacolo pirotecnico?
E se il pianeta dei nostri eroi fosse stato nello stesso sistema solare dei pianeti distrutti, come mai non è stato colpito?
Purtroppo qui ci sta bene un bel Turn Off the Brain and Enjoy 😀

6) Sotto al vestito niente

Della trama ho già parlato nel punto 1, ma forse è il caso di trattare pure l’aspetto tecnologico…
Nei prequel ci si era sforzati a creare nuovi mezzi, nuovi caccia, nuove astronavi, qui pare si siano dedicati al risparmio, riutilizzando le vecchie cose con una mano di vernice.
Forse l’unica novità è stata la presenza di BB8 il cui utilizzo è ancora da comprendere.
C3PO era un droide protocollare ed era utile per tradurre, R2D2 un astrodroide, utile per riparare le astronavi o fare da coopilota… BB8 qual era la sua funzione? Tablet da deserto? La palla pazza che strumpallazza dotato di IA ?
Un’ipotetica pubblicità: “Ruota e non immagazzina sabbia”. “Compra BB8 fa pure le battute ed è un’ottima spalla per Finn…” 😀

7) Finn e Poe due cuori della pallavolo

Analogamente a quanto si parteggia per Rey in quanto donna, viene da tifare per Finn perché di colore e perché ha lasciato il nuovo ordine, ma non perché il suo personaggio sia interessante.
Lo stesso dicasi per Poe, il miglior pilota della galassia. Verso la fine gli fanno fare qualcosa col caccia, ma il suo personaggio è scritto in modo talmente piatto, che di lui non rimane nulla.
Forse potevano unire i due personaggi in uno solo e provare a concentrarsi su di un solo background.
Certo poi c’è Phasma, vabbè…

8) Il Nazi Primo Ordine, il ritorno delle Sturmtruppen

Come premesso nell’articolo precedente, non sono un regista e pertanto non sono in grado di capire come mai i comandanti del Primo ordine ricordano così bene i comandanti delle Sturmtruppen
Davvero, come si fa a guardare il film senza pensare alle strisce comiche di Bonvi?
Negli Ultimi Jedi, hanno dato il massimo di sé, ma davvero questa gente terrorizza la galassia? E’ forse una nuova generazione di cloni, in cui hanno risparmiato sull’intelligenza? Boh!
La Disney temeva forse che i bambini rimanessero affascinati dalle figure militari ed ha deciso di renderli ridicoli?
I cattivi stupidi sono un topic dei cartoni per bambini. Per analogia, possiamo affermare che Star Wars ha abbassato il target per far piacere il film ai bambini e vendere giocattoli? 😛

9) Mappa galattica per risolutori di puzzle… da 2 pezzi

Non c’è niente di più eccitante di fare una bella caccia al tesoro tra amici (certo appartengo ad un’altra generazione e ciò che ritengo eccitante io non corrisponde sempre con le attuali preferenze).
Biglietti, posti nascosti, indovinelli e prove da passare, insomma qualcosa di impegnativo.
Poi se la mappa è stellare, la caccia al tesoro deve esserlo di conseguenza.
Infine quando scopri che la mappa ha solo due pezzi e bastava il secondo per trovare la destinazione, rotolano i BB8 sul pavimento (guarda qui pezzo di R2D2).
Facciamo un esempio. Mary Sue cerca Luke, ma possiede la mappa di Padova e Provincia.
Mannaggia” esclama la donna, “Luke deve essere nascosto in qualche paesino in mezzo alla nebbia oppure in una discarica e non lo troverò mai. Devo cercare altri indizi.
Infine la donna trova un bussolotto informatico, dagli antichi splendori, ma oramai disattivato. Le informazioni sono precise, nel bussolotto c’è il pezzo di mappa mancante. La donna, che ha riparato il Millennium Falcon (trovando ad occhi chiusi un guasto sfuggito a Ian e Chewbecca), purtroppo non ha con se il kit del giovane riparatore informatico (cacciavite) e non vuole utilizzare il metodo risolutivo Spegni e Riaccendi. Mery Sue pertanto si affida al tablet da deserto a forma di palla il quale riesce a compiere l’impresa. R2D2 si riattiva e mostra la mappa (Qui il momento dell’aggancio dei due pezzi).
La mappa mostra tutto il nord Italia. La mappa mostra anche il paesino di destinazione in provincia di Torino e indica tutta l’autostrada che devi percorrere per arrivarci (la famosa stampa di Gmaps con scritto, “alla fine della strada svolta a sinistra”, che per i primi 3 miliardi di chilometri è assolutamente inutile. Ciò che serve è negli ultimi 15 km).
BB8 esclama in linguaggio binario “ma che bit serviva la mappa che avevamo noi, se la destinazione non è in provincia di Padova?” ma la battuta viene tolta dal copione pena la lobotomia di qualche spettatore.
Il pezzo mancante mostra il nord Italia in tutto il suo splendore, senza quell’orribile ed antiestetico buco nel Veneto.
Tutti sono felici per aver completato il puzzle da due pezzi destinato a bambini inferiori ai 2 anni.
Wow!

Per concludere

Concludo questo mio lungo articolo con il link a Rotten Tomatoes.
L’apprezzamento del film non è negativo e mi sono chiesto quanto del voto sia conseguenza del lungo digiuno da Star Wars.
Inoltre il film si chiude con una speranza, il ritorno di Luke Skywalker, personaggio amatissimo dai fans di tutto il mondo.
Nonostante la dipartita di Ian Solo (trafitto, precipitato ed esploso) il lumicino dei fans si è riacceso con la speranza di rivedere Luke (sicuramente una buona pensata per prolungare l’effetto nostalgia dei fans).
A mio parere, la gestione di questo personaggio sarà fondamentale per il buon proseguo della saga (ne parlerò nei prossimi articoli).

Se volete sentire altri pareri e non avete problemi con l’inglese (sottotitolato), vi consiglio di cercare su youtube “the force awakens sucks” e vi farete una cultura.
Io invece vi segnalo i seguenti Link:
5 reasons that Star Wars The Force Awakens  is stupid
How to fix Star Wars VII
Dumb Things In The Force Awakens That Everyone Just Ignored
Episode seven is garbage

Lasciamoci col sorriso.
Vi consiglio anche di leggere la recensione a fumetti “mi risveglio a forza” di Leo Ortolani.
A presto con Gli Ultimi Jedi…

Lascia un commento

Chiudi il menu
Social Share Buttons and Icons powered by Ultimatelysocial