Due nuove razze in The Wild Beyond the Witchlight

Amici zuzzurelloni, ieri è uscito il nuovo manuale d’avventura The Wild Beyond the Witchlight ambientato in un “luna park” in cui sono contenute molte novità. Oggi vi parlerò delle due nuove razze “fatate” contenute in esso, Fairy e Harengon.

Se ricordate a Modena Play, Zoltar ci aveva dato alcune anticipazioni su questa avventura che vi riassumo brevemente:

  • La possibilità di affrontarla senza combattere.
  • Non è organizzata per incontri ma per attrazioni.
  • E’ adatta anche per coinvolgere i ragazzini per un gioco più narrativo che regolistico.
  • In seguito l’avventura prosegue su altri piani.

Purtroppo della 4 nuove razze apparse in marzo come materiale UNEARTHED ARCANA (Playtest), ne sono sopravvissute solo due (vedi articolo). Ma non fasciamoci la testa e vediamo assieme se sono migliorate o peggiorate.

Risorse utilizzate in questo articolo

Anche se narrerò alcuni contenuti dell’avventura, questo articolo non sostituisce la spiegazione puntuale e ufficiale del manuale che vi invito a consultare in contemporanea alla lettura dell’articolo. Anzi alcuni particolari sono stati volutamente omessi, poiché il mio è solo un commento e non una pubblicazione di materiale e regole! Acquistate i Manuali!!!

Due nuove razze

Cercherò di presentare queste due razze senza fare spoiler.

Fairy

Il primo impatto non è così entusiasmante, così come non lo era stato nel materiale di Arcani Rivelati.
Tuttavia dobbiamo ragionarci bene.

I Fairy sono esseri Fatati (Fey) di taglia piccola (small) dotati di ali ed in grado di volare.
Già questa caratteristica offre un punto di vista differente per affrontare qualsiasi avventura che non sia in un cunicolo basso e stretto.
Di fatto il Fairy è la terza razza volante introdotta dopo gli Aarakocra e la Variante TieflingWinged” introdotta in SCAG.
Negli arcani rivelati, il volo era magico, in questa versione invece è conseguenza di avere le ali, con le limitazioni del caso descritte nel manuale.

Esattamente come le “razze” introdotte in Van Richten, il Fairy non possiede più punteggi fissi, ma potete assegnare i modificatori ai punteggi liberamente alla caratteristica che preferite.
Così la stessa taglia non influisce sulla velocità di movimento, che rimane standard.

La razza è sostanzialmente invariata rispetto al materiale di Arcani Rivelati, tuttavia perde il privilegio Fey Passage, mentre Fairy Magic si arricchisce e potenzia con l’aggiunta di un incantesimo.
Inoltre acquisisce un linguaggio.

Piccolo commento

Rispetto alla versione apparsa in Arcani Rivelati, questa incarnazione ufficiale mi sembra più semplice da capire e non introduce varianti come il volo magico. Tutto sommato un PG Fairy lo vedrei bene sia per esplorare che per attaccare a distanza (armi o magia) o per farci un bel druido.
Anche l’aggiunta di un incantesimo ne migliora l’appetibilità soprattutto per quelle classi che ne possiedono pochi e puntano alla versatilità.


Harengon (da me ribattezzato “coniglione”)

Questa razza ha colpito la fantasia di molti giocatori, dalla coniglietta barda del collegio del Glamoure al suo compagno coniglione barbaro, armato di carota gigante. A parte le ironie questo Harengon prende quasi tutto dal “Rabbitfolk” apparso in Arcani Rivelati.

I bonus alle caratteristiche vengono distribuiti a scelta del giocatore. Il tipo di creatura non è Fey, ma Umanoide e può acquisire pure un linguaggio. Taglia indifferente, tanto la velocità di movimento è standard.

La grande novità di questa razza è la “competenza” nei tiri per l’iniziativa. Questa è un bel upgrade che in alcune situazioni potrebbe salvarvi la vita.

Buona la proficiency bonus in percezione e pure la conferma di Lucky Footwork già vista nel Rabbitfolk.

Ciò che è cambiato è la descrizione del privilegio “Rabbit Hop“. Ora è finalmente più comprensibile, giocabile e “forte”, anche se l’introduzione delle cariche giornaliere ne limita l’utilizzo 🙁

Commento telegrafico

Fantastico questo Harengon, ma le cariche giornaliere di Rabbit Hop non si possono vedere 🙁

Conclusione

Non che mi aspetti di vedere tanti coniglietti pucciosi all’avventura, ma questo manuale potrebbe aver scatenato le fantasie dei giocatori più “malati” 😀
Sotto sotto pure io sono attirato dal fare il “coniglione”, il cui peggiore incubo è senz’altro la massaia strozzagalline.

E voi cosa ne pensate di queste due razze? Avete già acquistato l’avventura in inglese o aspettate la sua versione in italiano? Lasciate un commento qui sotto o sulla pagina FB, a presto!!!

Lascia un commento

  • Ultima modifica dell'articolo:22 Settembre 2021
  • Tempo di lettura:4 mins read