Azione Aiuto

Amici avventurieri che chiedete aiuto con D&D 5°edizione, oggi vi parlo dell’azione AIUTO. La conoscete? No non è l’esclamazione che proferite quando aprite una stanza e vi trovate un “Omnivedente” che gioca a tre sette con un “Urgoblin“. Scopriamo assieme cos’è l’azione Aiuto e quando potrebbe tornare utile.

Risorse utilizzate per scrivere questo breve articolo

L’azione Aiuto fa parte delle azioni in combattimento e fa parte delle meccaniche base di D&D 5° edizione. La spiegazione ufficiale di cosa è la trovate nei seguenti manuali.

In aggiunta ho utilizzato anche le seguenti risorse:

Asmodee Dungeons & Dragons - 5a Edizione - Manuale del Giocatore 4000
Asmodee Dungeons & Dragons - 5a Edizione - Manuale del Giocatore 4000
Età minima raccomandata: 8; Lingua: italiano; 9 razze iconiche, 12 classi uniche, centinaia di incantesimi
Offerta
Dungeons & Dragons Starter Set: Dragons of Stormwreck Isle (Versione Inglese)
Dungeons & Dragons Starter Set: Dragons of Stormwreck Isle (Versione Inglese)
Regolamento di 32 pagine per personaggi di livello 1–3; 5 personaggi pronti per essere giocati con relative schede
20,71 EUR −0,72 EUR 19,99 EUR

L’azione Aiuto fa parte delle Azioni in combattimento

Azione Aiuto

Le azioni in combattimento sono spiegate a pagina 192 del Manuale del Giocatore in italiano e negli altri manuali indicati. Sono in totale 10 possibilità e sono qui di seguito elencate:

  1. Aiuto (Help)
  2. Attacco (Attack)
  3. Cercare (Search)
  4. Disimpegno (Disengage)
  5. Lanciare un Incantesimo (Cast a Spell)
  6. Nasconderti (Hide)
  7. Prepararsi (Ready)
  8. Scatto (Dash)
  9. Schivata (Dodge)
  10. Usare un oggetto (Use an Object)

Come saprete dalla lettura del regolamento, ogni PG nel suo turno può compiere un Movimento, un’Azione ed una Azione Bonus. All’interno del round (quindi anche nel suo turno) è possibile effettuare una Reazione.
L’ azione Aiuto, oggetto di questo articolo, si riferisce alla sola “Azione“.
Ciò significa ad esempio, che salvo privilegi di razza o classe particolari, l’azione Aiuto può essere effettuata solo come “Azione” e non come Movimento, Azione Bonus o Reazione.

L’azione Aiuto

Questa è un’azione spesso sottovalutata in combattimento ma dalla grande componente strategica.
Può essere usata per migliorare una prova di caratteristica (ad esempio un prova di Atletica [forza]) o una un TxC di una alleato.
In ambedue i casi si ottiene vantaggio al check o al Tiro per Colpire, purché lo si faccia prima dell’inizio del turno successivo del PG che ha aiutato.
Vediamo i due casi:

Migliorare un check in combattimento

Nel paragrafo di pagina 175 “Collaborare” si spiega bene come funziona la collaborazione per portare a termine un’impresa. Mentre questa collaborazione può essere effettuata senza problemi al di fuori del combattimento, in combattimento richiede l’azione Aiuto.

Valgono le stesse regole scritte a pagina 175 ovvero il PG che aiuta può farlo solo se sarebbe in grado di svolgere quell’impresa anche da solo. Quindi se non siete competenti negli arnesi da scasso, non potete aiutare a scassinare.
Se il DM approva la vostra collaborazione ed utilizzate l’azione di aiuto, il PG che riceve l’aiuto può eseguire la prova con Vantaggio.

Esempio: siete intrappolati in un fondo ad una stanza ad imbuto che si sta riempiendo di sabbia e acqua. Dall’alto piovono frecce. Per uscire provate a sfondare una porta rinforzata. Ciò richiede una prova di Forza (atletica) la cui CD è 20. Un PG invece che contrattaccare sceglie di usate la sua azione per Aiutare il guerriero del gruppo a sfondare la porta. Il Guerriero potrà effettuare il check di Atletica con vantaggio.

Vantaggio al Tiro per Colpire

Questa seconda opzione è particolarmente strategica però non è molto amata. Essendo l’azione di AIuto una “Azione”, vi costringe a rinunciare ad altre azioni che sembrano più produttive come “Attaccare” o “Lanciare un incantesimo”.
In aggiunta vi costringe a scendere in mischia e per alcuni PG può essere pericoloso.
Ecco alcuni esempi:

  • Un nemico possiede una CA particolarmente alta, grazie all’azione aiuto, uno degli attaccanti rinuncia ad attaccare ed aiuta un alleato fintando e distraendo l’avversario per permettergli di colpirlo meglio.
  • Il vostro attacco è misero, ma in gruppo con voi avete un assalitore (barbaro, ladro o paladino) che potrebbe sferrare un attacco devastante. Grazie al vostro aiuto l’alleato attacca con vantaggio e sferra un attacco micidiale.
  • Un Famiglio non attacca, ma può usare l’azione Aiuto indispensabile per aiutarvi con il vostro attacco magico.

Ora però vediamo tecnicamente come funziona.

Come funziona l’azione Aiuto in combattimento per dare vantaggio al Tiro per Colpire?

Il PG che vuole usare l’azione aiuto deve essere in mischia con una creatura (entro 1,5m). Utilizza l’azione Aiuto per concedere vantaggio al prossimo Tiro per Colpire ad un alleato che attacchi la stessa creatura.
Non è necessario che l’alleato che riceve vantaggio per colpire quella creatura, sia in mischia con la stessa. L’alleato può attaccare anche a distanza.
L’alleato deve sferrare l’attacco prima del turno successivo del PG aiutante o perderà questa opportunità.

Fate attenzione al fatto che l’azione di aiuto non può essere utilizzata per aiutare sé stessi.
Alcuni di voi potranno obiettare che il problema non si pone poiché il vantaggio termina prima del turno successivo.
In realtà ricordatevi che esiste anche l’azione bonus e l’azione di Reazione e che esiste la sottoclasse del ladro “Pianificatore” che al terzo livello vi concede il privilegio “maestro di tattiche” che vi permette di usare l’azione Aiuto come Azione Bonus. Anche in tal caso è specificato a pagina 36 della XGtE che dovrà essere usata per aiutare un alleato.

FAQ utili sull’azione Aiuto

Queste FAQ sono molto interessanti e sono quelle che mi hanno spinto a scrivere questo articolo.
Infatti vengono posti dei dubbi legittimi a cui si trova risposta.

Può un personaggio usare l’azione aiuto per dare vantaggio al prossimo suo attacco?

No. Vedi Tweet di JC.
Quindi se siete Ladri “Pianificatori” non potete usare l’azione bonus per dare vantaggio a voi stessi.


Quando uso l’azione di Aiuto, devo rimanere entro 1,5m dalla creatura nemica?

No! Infatti un bel famiglio Gufo con l’abilità “Volo Sfuggente” è perfetto per lo scopo. Si avvicina al bersaglio volando, usa l’azione aiuto, si allontana senza concedere Attacco di opportunità.
Vedi Tweet d JC.

Tale opzione è spiegata anche nel Compendio delle regole a pagina 11.
Infatti si specifica che è l’azione stessa che garantisce il vantaggio, non il stare adiacente al bersaglio.


Può un famiglio usare l’azione Aiuto per concedere vantaggio ad un attacco?

Sì. Come descritto qui sopra, usate un bel gufo se vi piace “vincere facile”. Vedi Tweet di JC.
In aggiunta sul Compendio delle regole a pagina 17 viene proprio specificato che un famiglio può farlo.
Infatti l’azione “help” non è un attacco ma un’azione che in questo caso è di disturbo.


Può un ladro pianificatore (mastermind in inglese) usare sia l’azione che l’azione bonus per dare vantaggio a due alleati simultaneamente?

Sì può farlo. Vedi Tweet di JC.


Quando uso l’azione aiuto devo specificare sia il bersaglio che l’alleato?

La domanda sorge spontanea, se combatto contro 2 creature in mischia e possiedo due alleati, quando uso l’azione Aiuto devo specificare sia la creatura che l’alleato?
La domanda non è affatto stupida. Ho qui ben 3 tweet sull’argomento. Tutti e tre concordano sul fatto che si deve indicare la creatura bersaglio. Quindi la mia finta “danneggerà” solo una delle due e dovrò indicare quale.
Il problema nasce sull’indicazione dell’alleato. Due Tweet dicono che devo indicare l’alleato che beneficia del Vantaggio al TxC, l’altro invece specifica che può essere un alleato qualsiasi.
Eccoli:

Nel compendio non c’è risposta a questa domanda. Il testo in inglese tuttavia dice “creature” e non “creatures”:

you can aid a friendly creature in attacking a creature within 5 feet of you.

PHB inglese pag 192

Sembrerebbe quindi che Jeremy stavolta abbia torto.


Se un nemico si muove via dopo esser stato bersaglio di un’azione Aiuto, subirà ancora del vantaggio al TxC contro di lui?

In sintesi un PG usa l’azione Aiuto contro una creatura per dare vantaggio al prossimo TXC contro di lui da parte di Peppino il ladro sbarazzino. Ma la creatura si sposta e fugge. Peppino avrà ancora vantaggio contro di lui?

La risposta di Mike Mearls è affermativa (vedi Tweet), però è un caso davvero particolare.


Utilizzi creativi di Aiuto

In sintesi ci si chiede se si può usare l’azione di Aiuto per proteggere qualcuno, ad esempio frapponendosi tra alleato da proteggere e attaccante. Risposta: non è l’azione giusta e va pensato qualcos’altro. Vedi Tweet.

Conclusione

Amici, se il vostro prossimo personaggio sarà un pelopiedi, potreste specializzarvi nel ladro “Pianificatore” che invece di attaccare “aiuta” tutti senza combattere e poi se la batte 😀
A parte gli scherzi pur avendo delle meccaniche molto semplici, non mi aspettavo di trovare tutte queste FAQ.

Riassumendo, l’azione Aiuto può essere usata per dare vantaggio ad un check o ad un TxC. La potete usare per sfruttare al meglio il vostro famiglio, per riuscire a colpire nemici molto corazzati o per consentire ad un vostro assalitore di apportare dei danni significativi al posto del vostro misero danno.

Tornate a trovarmi per rimanete aggiornati con le ultime novità iscrivendovi alla piccola e tranquilla pagina FB e seguendomi sul profilo instagram @telodoioildungeo.it

Ultimo aggiornamento 2022-09-25 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

LASCIA UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome